Il Museo
I Sabini
Immagini
Museo Archeologico di Fara in Sabina

Società e cultura

I Sabini del Tevere, per lungo tempo gli unici Sabini noti alla tradizione romana, furono un popolo importante e potente, amante della giustizia e dell’onestà – al punto che Cicerone riferisce un aneddoto secondo cui a Roma era diffusa l’abitudine di fingersi sabini per guadagnare la pubblica stima – e raggiunsero una notevole prosperità grazie anche alla vicinanza del Tevere e della via Salaria, fondamentali vie di comunicazione che facilitarono lo sviluppo dei rapporti  con le altre popolazioni della zona come Umbri, Etruschi e Romani..
Lo storico Quinto Fabio Pittore 260 a.c.- 190 a.c., riferisce che i Romani avvertirono per la prima volta i benefici della ricchezza quando divennero signori dei Sabini, mentre Dionigi di Alicarnasso, riprendendo lo stesso Fabio nella sua opera su Antichità di Roma, ricorda che al tempo della fondazione di Roma i Sabini non erano meno amanti delle raffinatezze degli Etruschi.


Ma la storia di questo popolo inizia ben prima del suo intrecciarsi con quella dei romani e la sua influenza fu determinante per lo sviluppo della stessa civiltà romana e di altre civiltà italiche.
I primi documenti scritti che compaiono a partire dal VII sec. a.C., rendono ragione di una koinè (lingua e cultura comune) diffusa in tutta la fascia mediana della penisola italica che ebbe nei Sabini il popolo guida.
A testimonianza del livello di cultura raggiunto sono stati ritrovati frammenti di iscrizioni ( tra le quali il più tardo  Cippo di Cures) che indicano la formulazione da parte dei Sabini di una propria scrittura, che si evolve nel tempo nell’area tiberina.

3 Risposte to “Società e cultura”

  1. 1
    Marco BORSI FELLI:

    Egregi Signori, non mi riesce comprensibile il motivo per cui nessuna ricerca sia ancora stata avviata ( a quanto mi risulta) circa il “Tumulo” sito in località “Colonnetta” e che dovrebbe riservare importantissime sorprese sull’attraversamento della Transumanza Arcaica sul “Ponte Sfondato” e su colui che ne controllava il passaggio.
    Ringrazio sin d’ora per la Vostra cortesìa,
    Marco BORSI FELLI

  2. 2
    Francesco:

    sul tumulo di colonnetta è stata fatta una ricognizione ma iniziare uno studio ed uno scavo su quel sito non è cosa semplice, ciò non toglie che sarebbe una bellissima esperienza

  3. 3
    augusto chiarini:

    qualcuno ha osservato che anco marzio fu il 3° e non il 4° Re di Roma!
    prima di lui : ROMOLO,NUMA POMPILIO,TULLIO OSTILIO e poi ANCO MARZIO
    GRAZIE

Lascia un commento

   News

   Immagini

   Video

       Commenti

      I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Proseguendo la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

      Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

      Chiudi